Come si fa a costruire la fiducia tra i propri collaboratori??
Ce lo racconta Valeria Angella Senior Trainer di Dale Carnegie Italia



 


Speciale di Persone&Conoscenze n°112

In mercati sempre più frenetici e internazionali la vera differenza con i competitor la fanno le persone che lavorano all’interno delle organizzazioni. Per questo aggiornare costantemente le loro skill diventa strategico. Così come facilitare la comunicazione interna, favorire le sinergie tra generazioni diverse e formare leader collaborativi.

Calare le decisioni sulle persone, limitandosi a dir loro cosa fare, non è più efficace. I collaboratori vanno coinvolti costantemente nella vita aziendale, con l’obiettivo di creare con i propri dipendenti un rapporto di fiducia, oggi più che mai strategico.

“Nelle organizzazioni moderne, alle prese con mercati frenetici, le persone hanno sempre meno certezze e orizzonti temporali sempre più ravvicinati”, spiega Valeria Angella, Senior Trainer di Dale Carnegie Italia. “Tutto questo crea tensioni e i lavoratori per reazione tendono a chiudersi in se stessi, a perdere fiducia nei loro top manager e nella società in cui lavorano. Proprio nel momento in cui è fondamentale avere al proprio interno team forti, allineati e uniti in termini di vision e di obiettivi”.

Da qui la forte richiesta di corsi orientati al Team building. “A spingere la domanda è anche il momento particolare che stanno vivendo molte grandi aziende alle prese con profonde riorganizzazioni o con operazioni di fusione e acquisizione”, continua Angella. Questo comporta una maggiore mobilità interna e la formazione di nuovi gruppi di lavoro, “per cui diventa importante costruire un rapporto di fiducia tra i membri dei nuovi team e valorizzare al meglio le loro diversità”, dice l’esperta.


coinvolgere-con-la-formazione

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO

 

Nelle aziende italiane c’è ancora molta strada da fare specialmente sul fronte manageriale. “Ci sono ancora troppi manager che chiedono agli altri di fare le cose, ma sono incapaci di dare il buon esempio”

 

Scarica il pdf